Vai al menu

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS
Consiglio Regionale della Lombardia


Milano. Dialogo nel buio

Notizia del 21/06/2005

L'Istituto dei Ciechi di Milano ospiterà dal 16 novembre 2005 al 16 novembre 2006 Dialogo nel Buio, un'iniziativa che propone un'esperienza unica: affrontare un percorso nel buio accompagnati da un non vedente, risvegliare i propri sensi, aprirsi ad un dialogo con un mondo diverso.
Nata da un'idea di Andreas Heinecke ("umanista umorista" come lui stesso ama definirsi), questa "mostra che non mostra", ha avuto un riscontro a livello internazionale. Il percorso nel buio è passato per molte capitali europee, oltre che a Tokio, Montreal, Rio de Janeiro, Holon (Tel Aviv) e Città del Messico.
Ma che cos'è Dialogo nel Buio? La risposta è semplice: il pubblico è invitato, in piccoli gruppi (massimo 8 persone), a compiere un percorso nel buio. Il viaggio, della durata di un'ora, passa per alcune stanze che riproducono ambienti diversi tutti da scoprire attraverso i sensi e il dialogo con la guida, svelando "un altro vedere". Dopo aver attraversato natura e città, l'ultima tappa è un bar dove, sempre nell'oscurità più totale, si commenta l'esperienza vissuta.
Le guide e i visitatori si incontrano al buio, senza nessun pregiudizio basato sull'immagine. I ruoli s'invertono e le barriere s'abbattono. "Dopo un'ora insieme non siamo più un cieco e un vedente ma due esseri umani", così un giovane visitatore ha commentato l'esperienza.
Dialogo nel buio è per la scuola una privilegiata opportunità per sperimentare attraverso l'esperienza di un percorso da compiere nel buio più totale, com'è il mondo di chi non vede e per affrontare le problematiche del handicap e tutti quegli aspetti ad esso connessi.
Un'esperienza unica come questa potrà portare ragazzi e adulti a provare una gamma infinita di emozioni: dalla paura del buio alla curiosità per la scoperta dell'invisibile, dalla gioia dell'esplorazione di un universo tutto da esplorare al senso di solidarietà nell'intesa spontanea che si viene a creare fra i 'viaggiatori'.
Un'occasione per imparare a rispettare la diversità. Un modo nuovo di 'sentire' e di percepire. Emozioni da non disperdere, ma da conservare come un tesoro.
Il percorso al buio è consigliato per le classi dalla terza elementare.
È importante segnalare in anticipo agli organizzatori la presenza di bambini/ragazzi con necessità speciali.


Cerca nel sito | Mappa del sito | XHTML 1.0 Valido | Torna ad inizio pagina
Copyright © 2006 - 2021 Consiglio Regionale U.I.C.I. della Lombardia. Codice fiscale 97006460154