Vai al menu

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS
Consiglio Regionale della Lombardia


5 per mille, social card, Isee e Agenzia del Terzo settore. Ecco le dichiarazioni del sottosegretario Maria Cecilia Guerra

Notizia del 17/02/2012

 

Si è svolto in questi giorni nella redazione milanese di Vita un incontro fra il sottosegretario al Welfare con delega al terzo settore e alle politiche sociali Maria Cecilia Guerra e le associazioni del comitato editoriale del Gruppo. Queste le dichiarazioni della Guerra sulle questioni più calde (tutti gli approfondimenti sul numero del settimanale di settimana prossima):

5 PER MILLE

«Non penso, né ho mai sostenuto che questo strumento vada cancellato. Anzi sul piano generale nel settore del sociale sono per mantenere tutte le (poche) strumentazioni esistenti, senza togliere nulla. Il 5 per mille però per così come è, è uno strumento instabile e frammentario che impedisce la programmazione agli stessi enti fruitori e che a mio avviso sconta tre grandi problematicità. Il primo è il nodo della democrazia fiscale: in Italia ci sono 10 milioni di incampienti che non sono tenuti a pagare l'Irpef e che di fatto non hanno parola sulla destinazione di 400 milioni di euro pubblici. Questo non lo trovo giusto. Secondo nodo: l'eccessiva concentrazione delle risorse del 5 per mille di pochi grandi enti, spesso quelli che “investono” di più in pubblicità. Terzo: il conflitto di interesse degli enti che gestiscono i Caf pur essendo iscritti agli elenchi del 5 per mille. Ribadito il fatto che io non voglio eliminare il 5 per mille, le prospettive non sono rosee: ad oggi non sono in grado di dare alcuna rassicurazione sulla stabilizzazione della legge, né sul finanziamento del 2013».

SOCIAL CARD

«Abbiamo in budget un finanziamento che copre l'attuale social card per tutto il 2012, più questa nuova sperimentazione che durerà dodici mesi. Dal mio punto di vista questa deve essere stabilizzata, per farne un'arma di contrasto alla povertà assoluta. Per centrare l'obiettivo occorre che non sia più uno strumento categoriale riservato a chi ha meno di 3 anni o più di 65 e ai soli cittadini italiani. Dopo di che vorrei poi che la social card fosse in messa in rete nel quadro di una presa in carico complessiva della persona. Da ultimo la social deve essere vincolata a un piano di reinserimento sociale o lavorativo dell'utente».

ISEE

«Il rischio che abbiamo in parte mitigato con la revisione della delega assistenziale-fiscale è che la riforma dell'Isee potesse nascondere un giro di vita sulla compartecipazione e quindi aumentare la quota a carico della famiglia. Detto questo, l'Isee va considerato come uno strumento di misurazione e non come una politica sociale in se stessa e quindi deve essere uno strumento tecnicamente fondato. Sul versante dell'accesso alle prestazioni io vorrei tranquillizzare perché sono favorevole a non legare alla riforma dell'Isee l'accesso alle indennità di accompagnamento».

AGENZIA DEL TERZO SETTORE

«Ad oggi la chiusura dell'Agenzia non è stata ancora decisa. La decisione finale non spetta al nostro ministero, ma al Consiglio dei ministri e comunque avverrà in brevissimo tempo. Quello che finora ha fatto il Welfare è stato uno studio di fattibilità per vedere se eravamo in grado di tenere in pancia le funzioni di controllo. In questo senso lo studio ha dato esito positivo. Rimarrebbe poi aperto il nodo della promozione, e su questo siamo all'ascolto di ogni proposta. Non nascondo però che questo governo abbia più di una perplessità sulla reale efficacia dimostrata dall'Agenzia in questi dieci anni. Ma ripeto le due strade quella della chiusura e quella del rinnovo della consiliatura sono ancora aperte».

______________________________________________________________________________________

Se da un lato sembra aprirsi uno spiraglio verso una soluzione positiva delle problematiche connesse alla riforma del sistema di concessione delle indennità d'accompagnamento, è da tenere presente che allo stato attuale quanto detto dal Sottosegretario può essere considerato solo come un'opinione individuale.

Tale invito alla cautela giunge anche dal Presidente Nazionale Tommaso Daniele, che nella circolare 41/2012 afferma quanto segue.

______________________________________________________________________________________

E' una dichiarazione inequivocabile che testimonia un processo di maturazione del pensiero del Sottosegretario rispetto all'incontro con FAND e FISH avuto presso il Ministero del Lavoro il giorno 31 gennaio u.s.. Processo di maturazione al quale non sono estranei certamente le pressioni di FAND e FISH, del Forum del Terzo Settore, i nostri articoli pubblicati sulla stampa che conta, il dibattito sui social network, per ultimo ma non ultimo, le testimonianze dei nostri soci raccolte durante la trasmissione sulla rubrica "Parla con l'Unione" del 1ø febbraio inviate al Sottosegretario con una mia lettera.

Degno di particolare nota è anche il contenuto di una ricerca effettuata dal prof. Cristiano Gori dell'Università la Cattolica di Milano il quale sostiene che la erogazione delle provvidenze assistenziali sono un diritto di cittadinanza al pari del diritto alla salute. Il professore sostiene, anche, la necessità di graduare gli interventi economici in base alla qualità dei bisogni. A sostegno delle sue tesi porta gli esempi della legislazione europea dai quali si ricava che in quasi tutti gli stati, l'indennità di accompagnamento è concessa al titolo della minorazione; un cambiamento nel nostro paese della normativa vigente segnerebbe un ritorno al passato.

La dichiarazione del Sottosegretario Guerra accende una luce in più nel cammino della speranza; tuttavia, non bisogna abbassare la guardia perchè potrebbe rappresentare una personale opinione del Sottosegretario non condivisa dalle parti che concorrono alla decisione.

Gioverà ricordare che il tema dell'ISEE coinvolge il Ministero del Lavoro, dell'Economia, della Salute e la Conferenza delle Regioni.

Nulla deve cambiare, quindi, nel nostro programma rivendicativo. (...)  Naturalmente dovremo vigilare e stimolare ulteriori conferme alla dichiarazione del Sottosegretario. Fidarsi e' bene, non fidarsi e' meglio.



Cerca nel sito | Mappa del sito | XHTML 1.0 Valido | Torna ad inizio pagina
Copyright © 2006 - 2021 Consiglio Regionale U.I.C.I. della Lombardia. Codice fiscale 97006460154